• Kernos

Nonna Letizia Favuzza ci racconta il Carnevale di una volta (VIDEO)

A Carnevale ogni scherzo vale… si ma, oggi davvero non ne abbiamo più idea!


Vogliamo condividere con i nostri lettori questo stralcio di ricordi “camuluti” di nonna Letizia Favuzza, palermitana di nascita e salemitana per lavoro e per amore, perché nello scorrere queste righe un castellammarese non si può non provare nostalgia se appartiene alle generazioni al massimo degli anni ’70. Dopo questa soglia, purtroppo possiamo solo mangiarci le mani, e il fegato, me per prima. Ciò che racconta nonna Letizia, infatti, nonostante Salemi disti poco più di una trentina di chilometri, è il ricordo che tanti castellammaresi serbano ancora vivido dei giorni in cui era “licet insanire”.


Nonna Letizia Favuzza, classe 1918

Prima di gettarvi nei ricordi però, mi consentirete di tributare qualche riga sull'autrice, perché sono certa che se non la conoscete ancora ve ne innamorerete, e magari le chiederete di aggiungervi su un noto social network. Si, esatto, nonna Letizia, classe 1918, non solo è sui social, ma è attiva e pubblica i suoi componimenti, i suoi disegni, le sue sculture in terracotta per il presepe (che a proposito, potete andare a visitare anche adesso perché -parole sue- “Se dopo la pandemia le scuole vogliono venire a vederlo…” -cito letteralmente dalla conversazione che ho avuto con suo nipote e mio amico, Vincenzo-).


Pupo per il presepe, realizzato da Nonna Letizia

Insomma Nonna Letizia Favuzza è una star indiscussa a Salemi, ma sono certa che, soprattutto dopo aver letto i suoi scritti, concorderete che merita di essere conosciuta e apprezzata in ogni dove. Potremmo passare ore a elencare le tante generazioni di salemitani suoi allievi, ma già dalle prime battute, si comprende che la sua personalità va oltre ogni tentativo di definizione. Un aneddoto curioso per tentare di carpirne l’essenza? Eccolo, sempre grazie al nipote, Vincenzo:


«Nel 43 mio nonno, Vincenzo Angelo, che era militare e dopo lo sbarco degli americani si diede alla macchia, in seguito a una soffiata al comando alleato fu arrestato e rischiava di partire per un campo in America. Nonna allora si vestì tutta di nero, vestì di nero pure mia zia che aveva pochi mesi, e così bardata andò a fare una scenata al comando americano in paese. Il graduato che l'ha ricevuta è rimasto così impressionato da questa scena di teatro greco in una lingua che non capiva, che ha mandato un soldato italo-americano a prendere nonno e a restituirlo a moglie e figlia.»


Avete presente il film “Salvate il soldato Ryan”? Quisquilie rispetto a nonna Letizia!


Ma adesso, lasciamo parlare lei, ché ogni altra parola è superflua.


CANNALIVARI DI QUANNU ERU PICCIRIDDRA (RIORDI CAMULUTI 'NTA LU TEMPU)


Di li cannalivari di picciriddra eu nni putissi scriviri un romanzu. Tutti li ‘Mascarati (Scene carnascialesche) li spettaculi, li contraddanze di scecchi nmezzu u Chianu, e "L’abballata di L’attuppateddri’’, e la ‘Partita a scacchi’ o Bonamici.

Si organizzavanu a Santa Maria nta lu saluni di don Michilinu (Bobbia) a l’ebanisterìa Fratelli Rubino, o nto cafè di Cicciu attuppateddru.

Jurnati di vera festa, divertenti di na duci alliria fatta di nenti, di maccarruna e di buttigghi i vinu, arrustu di maiali tenniru e grassu, e sasizza e sanceli e capuliatu e li scorci di porcu ntò stufatu.

Pupi in terracotta realizzati da Nonna Letizia

E si facianu n’casa li cannola, li cassateddri e puru a mpignulata e lu turruni di mennula atturrata, nta lu Chianu si vinnia simenza, li ciciri caliati e la cubbaita.

Li strati eranu chini i mascarati. Niscianu da li porti, da li curtigghia, da l’annateddri, da li vaniddruzzi, a suli o puru a frotti, n’cumpagnia, vistuti ‘’Cavaiola’’: un linzolu attaccatu ncapu a testa, lu corpu cummigghiatu all’africana, dui pirtusa pi l’occhi sulamenti ed era mascaratu… e si divirtia. Putia nociri amici,canuscenti, sempri cu’ garbu, sempri cu’ rispettu, ma fimmini cu fimmini e masculi cu masculi senza varcari a sogghia da crianza.

Immuruti, duttura, carvunara, omini vaddrarusi, senza testa, fimmini vistuti omini cu li minni, masculi vistuti fimmini cu li varvi.


Quant’eranu fistusi i ‘’Giardinieri’’! Vinianu di lu Chiuppu a carovana, masculi e fimmini. Bellissimu u costumi campagnolu.

Cu nun l’ha vistu mai nun ha vistu nenti

E nenti sapi poi di carnevale, du carnevale nostru sarmitanu.

Ntà lu baccanu allegru di li maschere ntra l’urlo di uhhhhh uhhhh sutta u linzolu urlu allungatu, cu un sonu mistiriusu, lu giardinieri cu fari galanti abbiava all’aria la ‘scaletta chi sparava na botta e nta un secunnu acchianava, acchianava o finistruni di Rosa e Marietta a la finestra di donna Cuncetta o purtiddruzzu du mizzalinu, dunni c’è Lavia c’aspetta a Pippinu chi c’un corpu siccu di scalìttata offri a la dama un tetù o un muscardinu mpisu a lu chiovu di l’urtmu scalinu.


Disegno di Nonna Letizia, pubblicato su un social

La sira nta li casi si tinia sonu. Si sbarazzava a cammara chiù granni e cu li seggi appuiati a li mura, la pizzateddra frisca, umituliddra, stelle filanti appuntati a li trava, accuminciava lu ricivimentu, mentri u ‘’rammofanu" di Maria di Piddra, sunava cracitannu a vuci stisa:

-Celu celeste, celu di chistu cori... comme ti chianciu ammore ma che ti chiancio a fa.-

E cu nun si vulia divertiri mprivatu firriava li Casini mascaratu. Fora, nta strata s’aspittava u turnu pi trasiri o Casinu ed abballari: tri balli p’ogni gruppu e a lu cumannu di lu Capo- sala finuta la sunata, tutti fora diretti a natru. Circolo: I Civili, lu Popolari, la ‘Società Operaia. A la mezzanotti di martiriria s’abbruciava u nannu nta lu Chianu

E poi, tutti a casa, cu parenti e amici pi’ fari nsemi l’urtima manciata: sasizza, maccarruna… e na mbriacata o a la mannara pi’ la zabbinata.


(Letizia Favuzza)




Un enorme grazie da parte dell'associazione Kernos a Giovanna Buffa per la sua bellissima interpretazione e preziosa disponibilità.


Semel in anno licet insanire


E si pruvassi ad insaniri mentri sugnu 'ntempu 'na sula vota ?

Stuiornu ch'è iurnata i carnivali ,

mi pigghia un ticchiu novu ,,un ticchi stranu:

pensu a ddru mottu anticu di latinu

lassatu vanchi vanchi di la scola ,

quannu finivi d'essiri scolara .


-ABBANNUNATI : LASSATI 'NNSANIRI,

nun aspittari chiù

nun hai chiù tempu,

babba chi si prufitta 'i 'sta jurnata,

prima di moriri fattilla 'na 'mbriacata .

Nun l' hai mai fattu 'nta' li to' cent'anni

pi'rispettu a u cuntegnu ,a'società,

stappati ìna buttigghia di Passitu ,

è veru bonu ,duci 'nzuccaratu ,

e sapi di zibibbu 'mpassulutu ;

lasciati andare …penza a tracannari .

affuncia ...senza chiù pinzari a nenti,

Dettaglio del trittico realizzato per Carnevale

E sugnu sula e tristi e ammacagnata .

-Forza! Curaggiu!

Fattilla na tirata

Voi pruvari l'ebrezza di l'ebrezza?

Scordati tuttu e canta :Giovinezza!

E grapu 'u stipiceddru d''a cucina

ntipatu di buttigghi vecchi e novi

e cercu e trovu chiddru chi circava:

eccolo cca 'u passitu!Prestu 'u trovu.

C'a buttigghia stappata 'nta li manu,

ancugnu ,scantatizza versu 'u lettu.

Penzu:-Si mi succedi quarchi cosa ,

sia 'na vertigini o n corpu di scuncertu,

ncanciu di tummuliari nte' maduna

direttamenti ,cadu ,'ncapu 'u lettu.

Eu sugnu pronta ,sugnu cca ,buttigghia mia

pronta...a pruvari st'ebrezza e accussì sia


M'attaccu a la buttigghia c'un gurgiuni

chiuttostu riccu ,forti.ginirusu ,

e sicura,l'abbìu pi'lu pirtusu

d'u cannarozzu apertu ,

assai curiusa di pruvari l'ebrezza chi si prova ,

ennu all'incontru a sfa' facenna nova.


Oh Diu !Aiutu! Aiutu! Staiu murennu!

Sputu,tussìu,m'accupu,rantulìu ,

mi manca l'aria sugnu cunfunnuta ,

disìu 'na manu chi mi batti i spaddri ,

'nvocu aiutu ma nuddru mi rispunni

e l'occhi sù' sgriddati e su' di fora

e chini su' di larmi i vavareddi;

lu nasu cula pi' li fatti sò

la ula cerca di mannari via

lu granni focu chi sbampa dintra a mia

Ed è focu la lingua ,la trachea

li cannarozzi nsemmula a la panza ,

terribili l'amaru nta' la vucca

accumpagnatu di lu firrìu di la stanza


Vicchiazza babba ,soccu cumminasti?

Scanciasti sulamenti la buttigghia.

O postu d''u passitu 'nzuccaratu

trangugiasti,a beddrucori

mezzu biccheri di amarupetru

amaru ,chiù amaru assai di lu chininu.

Si stu' liquori è fattu p'addiggiriri

megghiu pi' carnevali stari diuni

o manciarisi un piatticeddru 'i simmulinu


(Letizia Favuzza)



I libri pubblicati sono:

Letizia Favuzza, Rima, Riordu e Fantasia, poesie, Angelo Mazzotta Editore, Castelvetrano-Selinunte, 2016

Letizia Favuzza, Da Marsala a Salemi, impresa garibaldina, Editrice Slogan, Salemi, 2018


Foto pubbliche tratte dalla pagina di Letizia Favuzza




A cura di Alessandra Tamburello


Articolo del 15\02\2021;

© Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta del consiglio direttivo dell'Associazione Kernos.


-Le citazioni o le riproduzioni di brani di opere effettuate nel presente sito Internet hanno esclusivo scopo di critica, discussione e ricerca nei limiti stabiliti dall'art. 70 della Legge 633/1941 sul diritto d'autore, e recano menzione della fonte, del titolo delle opere, dei nomi degli autori e degli altri titolari di diritti, qualora tali indicazioni figurino sull'opera riprodotta. Per eventuali rettifiche e per segnalazioni si prega di inviare una e-mail all'indirizzo kernoscastellammare@gmail.com


230 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti